Consorzio Collio tra vendemmia 2023, premi ed eventi

Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni per la DOC Collio e si attende la prima edizione dell’evento It’s Collio Time, in programma il 9 novembre.

A fine vendemmia il Consorzio Tutela Vini Collio valuta l’annata 2023, sottolineandone accezioni e peculiarità. Punto di partenza sono le stime sui dati di ettari e produzione riferiti all’anno 2022: le superfici rivendicate a DOC Collio contavano 1.244 ettari, il vino DOC Collio imbottigliato, 7.300.300 bottiglie (+8% rispetto al 2021) e gli ettari BIO certificati sono stati stimati a circa 300 ettari certificati.

Per quanto riguarda la prima considerazione sull’andamento della vendemmia 2023, si è configurata una situazione piuttosto complessa, caratterizzata soprattutto dagli effetti dei cambiamenti climatici. Da aprile a luglio 2023 si è infatti registrato il triplo di cumulato di pioggia rispetto a quanto osservato nello stesso periodo del 2022 e questo eccesso di pioggia ha facilitato la diffusione di alcune tra le principali malattie patogene, in particolare la Peronospora. Inoltre, alcune grandinate hanno colpito solo certe zone del Collio, causando, fortunatamente, danni quantitativi e qualitativi non elevati.

La vendemmia 2023 è iniziata con alcuni giorni di ritardo rispetto allo scorso anno, tra l’inizio e la metà di settembre, con una certa variabilità in base alle zone.” Commenta il Presidente del Consorzio Tutela Vini Collio, David Buzzinelli. “La fotografia emersa dalle prime impressioni vendemmiali ha indicato un calo della produzione di uve abbastanza significativo (medio per la zona tra il 10-15%) ma le uve hanno mantenuto un alto livello qualitativo”.

Le piogge che si sono verificate in fase di piena maturazione delle uve hanno reso la vendemmia 2023 particolarmente sfidante.” Conclude il direttore del Consorzio Tutela Vini Collio, Lavinia Zamaro. “Le aziende hanno saputo gestire con molta attenzione le operazioni di raccolta, selezionando in modo accurato le uve, prima in vigneto e poi in cantina, mettendo in campo tutte le conoscenze e competenze al fine di garantire l’eccellenza dei vini DOC Collio anche per l’annata 2023”.

Il 2023 si ricorda anche per i premi ricevuti dai produttori della Doc Collio, che ogni anno lavorano con dedizione per accrescere la qualità dei vini e valorizzare la Denominazione, facendola conoscere e apprezzare a livello internazionale. Tra gli altri, il Gambero Rosso ha premiato 9 vini della Denominazione con i Tre Bicchieri e ha conferito il premio speciale Bianco dell’anno Gambero Rosso al vino Collio Chardonnay Riserva 2018 Primosic. I faccini della guida DoctorWine per 15 vini della DOC Collio, con punteggio tra 97 e 95, e tra I migliori vini da monovitigno DoctorWine c’è il Friulano Collio M 2021 Schiopetto. Miglior bianco italiano secondo WineSurf è il Friulano Collio 2022 Gradis’ciutta.

Quest’anno vede infine un nuovo appuntamento che si aggiunge al fitto calendario delle attività di promozione della Denominazione: It’s Collio Time, un evento itinerante in programma il 9 novembre, organizzato dal Consorzio Tutela Vini Collio in collaborazione con le delegazioni locali FISAR, che coinvolge diverse città italiane con degustazioni e approfondimenti per una serata all’insegna dei colori e dei profumi del Collio.

I numeri della prima edizione di It’s Collio Time: 2 partner (Consorzio di Tutela del Formaggio Montasio e Consorzio del Prosciutto di San Daniele), con il patrocinio di Io Sono Friuli Venezia Giulia e PromoTurismoFVG, 12 delegazioni ospitanti (Alessandria, Cuneo, Milano-Duomo, Firenze, Genova, Milano, Monza, Pavia, Torino, Treviso, Verona, Vicenza), 7 vini in degustazione in ogni città, per un totale di 84 vini, 25 produttori che presenzieranno alle degustazioni per raccontare i vini e il territorio, e per finire circa 500 appassionati e operatori del settore che degusteranno, in contemporanea, i vini DOC Collio.

Visited 56 times, 1 visit(s) today