fbpx

Type and press Enter.

Un metodo classico cullato dalle acque del Garda

Oggi, il Gruppo Sommozzatori Riva del Garda, coadiuvati dai Vigili del Fuoco Volontari di Riva del Garda, ha calato 1216 bottiglie della cantina Riva del Garda nelle profondità del lago di Garda dove rimarranno per un anno intero.

Si tratta del vino che diventerà il nuovo Trentodoc Spumante Metodo Classico Brezza Riva Riserva Blanc de Blancs. Le bottiglie riposeranno per 12 mesi a 38 metri di profondità in quelle che vengono considerate condizioni ideali per il loro affinamento

A queste profondità – ha spiegato Furio Battelini, enologo di Cantina Riva del Garda – con una temperatura costante che oscilla in modo lento tra i 9 e i 13 gradi, in assenza di luce e rumori, le 1.216 bottiglie di spumante troveranno le migliori condizioni per una lenta e incessante maturazione. A quella profondità c’è sia una minore differenza tra pressione interna alle bottiglie – circa 6 bar – e quella del lago – costante a quasi 5 bar – sia la quasi totale assenza di ossigeno. Queste sono condizioni difficilmente realizzabili in superficie che abbattono decisamente lo scambio gassoso esterno-interno, permettendo una maturazione più lenta.