fbpx

Mosto: una kermesse letteraria in cantina

Ritorna l’appuntamento di fine estate con “Mosto, il succo delle storie”, festival di narrazione prodotto e ospitato dalla cantina romagnola Poderi dal Nespoli.

Il 24 agosto, il festival – in programma dal 2 al 4 settembre – sarà aperto dalla consueta anteprima letteraria: “Tuffarsi nelle vite degli altri”, un incontro con gli autori Lorenza Pieri e Jonathan Bazzi, che proporranno una vera e propria immersione nei loro romanzi.

alcuni ospiti della kermesse letteraria

Poderi dal Nespoli ha ideato nel 2017 questo festival, unendo cultura vinicola, natura e arti della narrazione in uno dei contesti più suggestivi della Valle del Bidente, per realizzare un evento all’insegna della condivisione e della convivialità. “Mosto” perché così come il mosto è la fase di passaggio dall’uva al vino, la narrazione è un momento di transizione per l’uomo, che lo arricchisce e a volte trasforma rispetto a ciò che era prima. Tre giornate di festival in cui si susseguono autori e artisti nazionali e – per la prima volta – internazionali, che danno voce a progetti, romanzi, interviste, podcast e spettacoli, affrontando contenuti che spaziano dal mondo naturale alla musica. Il racconto dell’acqua che il festival propone in questa edizione trae ispirazione da una realtà sempre più mutevole, che necessita di creare continuamente nuove rotte alla ricerca di inediti orizzonti.

Dopo l’anteprima del 24 agosto l’appuntamento con il Festival Mosto avrà inizio ufficialmente venerdì 2 settembre alle 20.30 con “Il mondo addosso” un racconto di e con Matteo Caccia, che narrerà come gli abitanti dell’Isola del Giglio abbiano vissuto e reagito al più grande naufragio della recente storia marinara italiana. A seguire, alle 21.30, un’intervista con Tristan Gooley a cura di Ferdinando Cotugno: primo ospite internazionale del festival, Gooley è un profondo conoscitore dei metodi di navigazione basati sull’osservazione della natura. Detto anche “Sherlock Holmes della Natura”, interpreta l’acqua in modo magistrale e ha compiuto spedizioni e imprese epiche in solitaria in tutti e cinque i continenti, tutte documentate nei suoi libri.

Sabato 3 settembre alle 20.30 la conduttrice, speaker, influencer e scrittrice Daniela Collu intervisterà Ambrogio Beccaria – fautore di un progetto che lo vedrà impegnato in un giro del mondo a bordo della sua barca “Alla Grande-Pirelli”- e Roberto Casati, filosofo delle scienze cognitive che presenta “Oceano. Una navigazione filosofica” testo nel quale racconta del suo progetto di ricerca “Cognition in the Wind” basato sulla navigazione low tech e una personale filosofia del mare emersa da una traversata dell’Atlantico in barca a vela. Alle 21.30, invece, “I confini non esistono”, spettacolo che combina la botanica e le relazioni umane, mettendo in luce come i confini siano un’invenzione dell’uomo, inesistente in natura; protagonisti Stefano Mancuso e le sue conoscenze in ambito botanico, insieme a Matteo Caccia, grande narratore di storie di uomini. Domenica 4 settembre alle 18.00 un talk dal titolo “Il racconto del quotidiano: Podcasting is not a crime”, con Mia Ceran, giornalista e conduttrice televisiva che ha ideato il podcast quotidiano di informazione “The Essential”; Cecilia Sala, autrice e voce del podcast “Stories” di Chora Media; Jonathan Zenti, autore e producer del suo podcast indipendente “Problemi”. A concludere il festival, infine, un concerto live unplugged di Pacifico, cantautore e autore tra i più stimati del panorama italiano, compositore di colonne sonore e autore collaboratore di importanti artisti come Gianna Nannini, Andrea Bocelli, Gianni Morandi, Adriano Celentano, Eros Ramazzotti, Zucchero, Giorgia, Antonello Venditti e molti altri; accompagnato da Antonio Loffredi, presenta in versione acustica un best of dei brani del suo repertorio.

Tutti gli eventi del festival sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.festivalmosto.com