Giornata dell’autismo, quando il vino è aut e non out

Ho diversi amici che hanno figli autistici, tutti con diversi disturbi. Oggi è la “Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo” che, citando Wikipedia, “È fissata al 2 aprile di ogni anno ed è un giorno riconosciuto a livello internazionale per incoraggiare gli Stati membri delle Nazioni Unite ad una maggiore sensibilizzazione rispetto all’autismo.

Partiamo dal presupposto che le famiglie con figli autistici vivono questa situazione non una volta all’anno ma tutti i giorni e che non bastano 24 ore per sensibilizzare l’opinione pubblica o a ottenere miracolosamente dei risultati. L’impegno delle famiglie è straordinario, costante, spossante e va sostenuto; serve l’aiuto di tutti e non è sufficiente mettere un like sui social o condividere dei post.

Il mondo del vino ha già sviluppato delle iniziative per sostenere persone autistiche o associazioni di cui vi abbiamo parlato in passato. Vediamo, oggi, alcune delle più recenti attività.

L’impresa sociale Autnotout srl, impegnata nel valorizzare l’autismo come risorsa, ha sviluppato il progetto WineAut con Cantine Risveglio, azienda del brindisino. Da questa partnership è nato “Zero”, chardonnay bianco frizzante, vendemmia 2022, prima etichetta a marchio Wineaut.

Dalla Puglia, andiamo in Svizzera, a Bellinzona, dove Chiericati Vini e Fondazione Ares hanno dato vita a “Sinfonia in Blu”, un’etichetta speciale nata per sostenere progetti dedicati a bambini con autismo e alle loro famiglie. Questo vino altro non è che la “Sinfonia barrique”, un Merlot invecchiato 30 mesi in barriques prodotto dal 1990 dalla cantina elvetica che esce anche in questa special edition da 600 bottiglie.

Torniamo in Italia. L’azienda marchigiana Velenosi continua la produzione del suo Falerio Pecorino DOC Edizione Speciale che vi avevamo presentato qualche anno fa: le uve vengono raccolte a mano dai ragazzi dell’Orto di Paolo, un centro  per persone autistiche a cui va tutto il ricavato delle vendite di queste bottiglie (l’etichetta è stata realizzata insieme ai ragazzi della struttura).

Rimaniamo nelle Marche per scrivere di Stefano Belisari, meglio conosciuto come Elio, voce del gruppo Elio e le Storie Tese. Il frontman milanese possiede una vigna a Cossignano, vicino Ascoli Piceno, dove ha dato vita a una partnership con la Cantina Fiorano, producendo AutEntico, il vino rosso biologico di PizzAut, la pizzeria italiana gestita da ragazzi autistici che si trova a Cassina de’ Pecchi e a Monza.

A Natale, In Friuli la Fondazione Progettoautismo FVG Onlus ha fatto conoscere i propri progetti attraverso una selezioni di vini dell’Azienda Agricola Specogna e di Toblar, due cantine del territorio. I ragazzi che frequentano il centro Home Special Home di Progettoautismo FVG hanno realizzato dei quadri nell’ambito dell’Atelier NoWay-NoUei che sono stati trasformati in  etichette per le due realtà vitivinicole. Parte dell’acquisto di queste “bottiglie d’autore” è andato ai progetti della Onlus.

Cosa aggiungere? Raccontatecelo voi amici delle cantine, ideando progetti, vini e iniziative lavorative a vantaggio delle persone autistiche.

Visited 31 times, 3 visit(s) today