fbpx

Type and press Enter.

Wine Future: Francis Ford Coppola e Valdobbiadene

Da oggi al 26 febbraio andrà in scena Wine Future, la terza edizione dell’evento online su Zoom pensato per discutere le sfide che l’industria del vino ha trovato sul suo cammino. L’obiettivo è offrire soluzioni per superare questi ostacoli con il contributo di 80 esperti protagonisti di 24 sessioni di discussione; tema di quest’anno: la ripartenza post pandemia e la sostenibilità.

L’evento vedrà la partecipazione di alcune celebrità del mondo dello sport e dello spettacolo come Matthew Goode, attore britannico e star di The Crown e Downtown Abbey, il golfista Ernie Els, il musicista David Farrell, John Smit, ex capitano della nazionale di rugby sudafricana, e il regista di Hollywood Francis Ford Coppola che terrà il discorso di apertura di Wine Future 2021.

Presente anche il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG con il Professor Eugenio Pomarici e l’agronomo consulente del Consorzio, Roberto Merlo.

Il primo interverrà oggi nell’ambito della sessione “Economics and finances in challenging times”, porterà la Denominazione Conegliano Valdobbiadene come caso esemplare di resilienza nel 2020, sottolineando la capacità delle aziende del territorio di affrontare ad ogni livello aziendale le sfide che la situazione mondiale sta imponendo.

Venerdì, giornata di chiusura, durante la sessione “Sustainability matters”, Roberto Merlo discuterà gli aspetti legati alla sostenibilità della viticoltura focalizzando il proprio intervento sull’illustrazione dei progetti che il Consorzio di Tutela ha promosso e implementato in questo ambito.

Il Consorzio  è orgoglioso di offrire il proprio sostegno a Wine Future – ha sottolineato il presidente Innocente Nardisi tratta di un importante momento di discussione e approfondimento sullo scenario internazionale del mondo del vino e rappresenta un laboratorio di idee per progettare la ripartenza del settore, a seguito della pandemia. In particolare, crediamo di poter contribuire con l’esperienza della nostra Denominazione che nel 2020 si è contraddistinta per la sua resilienza e la sua capacità di adattamento, adeguando processi e strategie alle nuove esigenze e confermando il record delle vendite del 2019, non perdendo mai di vista l’approccio sostenibile che caratterizza l’agire del Consorzio”.