fbpx

Type and press Enter.

Cantine, vini e sommelier a casa in formato 4G

Il Covid-19 ha cambiato il modo di comunicare delle cantine e degli addetti ai lavori che hanno spinto l’acceleratore su e-commerce ed eventi online per affrontare la crisi. Come? Ce lo racconta il sommelier Leandro Cova 

Ci accingiamo a superare il momento peggiore di una situazione che mi auguro nessuno vivrà più, consapevoli che la scalata per il Gran Premio della Montagna inizia ora. Senza addentrarci in analisi sociologiche sulle conseguenze della pandemia da Covid-19, è sufficiente dire che ci siamo resi conto che “nulla sarà come prima” – un fatto innegabile – e abbiamo cercato di restare uniti attraverso gli strumenti offerti dalla tecnologia, l’unico modo per non sentirsi isolati dal resto del mondo, dagli affetti lontani. In questo panorama totalmente stravolto, siamo stati costretti a riorganizzare la nostra quotidianità.

Sono proliferate figure di ogni tipo, corsi di varia natura e genere, con diversi risultati e la crisi economica si è fatta sentire. L’incertezza è ciò che fa più paura, che facciamo fatica a fronteggiare. Le aziende e i professionisti tra i quali umilmente mi inserisco, si arrovellano cercando di capire come e cosa dover cambiare per rimodulare, ottimizzandolo, il proprio operato: il dinamismo sul lavoro è la pietra angolare sulla quale costruire un business.

Tra i settori che maggiormente hanno risentito della crisi si inserisce senza dubbio il mondo del vino. Aziende vinicole, sommelier, ristoratori, commerciali, enoteche e consumatori finali, sono stati spinti a considerare nuove modalità di vendita e consumo, a ripensare il modo di fare impresa, a digitalizzare l’organizzazione. Gli operatori sono stati stimolati a inventare nuove forme di comunicazione, per far conoscere le proprie realtà, effettuare consegne a domicilio e tentare di essere vicini ai clienti storici, cercandone nuovi.

La possibilità di andare online alla scoperta di luoghi e cantine, che raccontano sempre meglio la loro storia sul web, non può sostituire l’emozione di visitare di persona location e vigne che lasciano senza parole (Etna, Langhe, Gallura, Lago d’Iseo per citarne alcuni), o trasmettere gli odori che si respirano negli ambienti di vinificazione e nelle barriccaie.

Il Covid-19 ha immobilizzato l’Ho.Re.Ca, spingendo le aziende vinicole a rafforzare ulteriormente il legame diretto con l’utente finale, pianificando nuove strategie di mercato.

La mancanza di contatti umani ha favorito una comunicazione visiva: interviste, live, degustazioni registrate o in diretta, corsi di degustazione online.

Personalmente trovo molto stimolante la nuova frontiera del digital tasting, che curo con una rubrica ospitata sulla pagina Facebook della Palladio School di Palestrina. Dopo il primo incontro e le numerose richieste di replicare l’esperienza, abbiamo programmato la rubrica settimanale “Ti presento un vino”.

Ogni giovedì, alle 19.00, entriamo in diretta nelle case di tante persone, desiderose di conoscere delle novità. Seleziono una bottiglia, raccontandone storia e curiosità, facendo seguire una degustazione che possono fare anche le persone che ci seguono da casa, alle quali facciamo arrivare lo stesso vino del quale parlo.

Per chi non è nuovo a esperienze online la cosa potrà sembrare banale ma per chi, come me, viene dal mondo della sommellerie tradizionale, non è stato facile l’approccio con il nuovo mezzo. Ho dovuto innanzitutto vincere l’impaccio della cam e della diretta, a cui si aggiunge la difficoltà di gestire l’interazione con chi pone domande e fa considerazioni. Questo scambio è stimolante e dimostra il grande interesse della gente per il vino.

Finora, ho usato piattaforme e mezzi diversi per lo streaming, alla ricerca di esperienze il più possibile immersive. Nei prossimi incontri, coinvolgeremo anche i produttori che potranno raccontare la loro storia e i loro vini.

L’intento di questo ‘aperitivo’ della durata di 30 minuti è  far compagnia agli appassionati, avvicinandoli al mondo del vino con un format “smart”. A breve, arriveranno altre sorprese…