900 etichette e 156 cantine per Cesena in Bolla

Torna lunedì 12 e martedì 13 febbraio la nona edizione di ‘Cesena in Bolla # Non solo bollicine’, la manifestazione legata alle ‘bolle’ nazionali e internazionali il cui consumo continua a crescere in Italia e nel mondo senza conoscere crisi. Sotto i riflettori a Cesena Fiera i migliori Spumanti Metodo Classico che si concentrano nei 4 territori maggiormente vocati del Belpaese: Franciacorta, Trento Doc, Oltrepò Pavese, Altalanga.

A questi fanno eco una folta schiera di bollicine d’Oltralpe con Champagne e Cremant dalla Francia e Cava dalla Spagna. Senza dimenticare i migliori Prosecco accompagnati da una selezione di altre bollicine Metodo Martinotti da tutta Italia, presenti in una percentuale di circa 1 su 5 rispetto ai Metodo Classico. In abbinamento al vino, come da tradizione a Cesena In Bolla, assaggi food di ottima qualità con le Officine Gastronomiche Spadoni, il cioccolato d’Autore di Gardini, il salumificio Antica Foma di Modena e, dal cuore della Toscana,  Siena Tartufi, con una ricca selezione di salumi formaggi e naturalmente i pregiati tartufi.

Continuando con i numeri sono oltre 156 le cantine totali rappresentate in Fiera, per circa 900 etichette da degustare fra spumanti e altre referenze messe in campo dai produttori provenienti da tutta Italia, Emilia Romagna compresa che, per completare l’offerta, accompagnano alle bollicine  le loro migliori selezioni  di bianchi fermi e rossi.

Organizzata da Taste Production, Cesena in Bolla è ospitata ancora una volta nei grandi spazi di Cesena Fiera, riconfermando la sua vocazione al B2B con gli operatori di settore che entreranno gratuitamente, previa iscrizione obbligatoria sul sito. Ma la manifestazione non dimentica winelovers e sommelier che potranno usufruire di ingressi contingentati a pagamento.

“E in questo – precisa Ivan Tesei, amministratore di Taste Production – grande importanza riveste proprio la presenza alla manifestazione dei produttori titolari di aziende e cantine per raccontare i propri vini, raccogliere ordini e fare affari con gli operatori di settore”.

Visited 21 times, 1 visit(s) today