fbpx

Milano Wine Week 2022: “Il vino con Milano intorno”

Si è tenuta nei giorni scorsi la conferenza stampa di presentazione della Milano Wine Week 2022, l’evento dedicato alla promozione, al racconto e all’esperienza del vino, giunto alla sua quinta edizione. L’appuntamento, che animerà il capoluogo lombardo dall’8 al 16 ottobre, torna con un palinsesto ricco di iniziative rivolte ad appassionati, opinion leader e operatori del settore di tutto il mondo, che troveranno occasioni di business concrete, in una manifestazione dalla vocazione sempre più internazionale.

Protagonisti dell’appuntamento consorzi, organizzazioni e centinaia di aziende provenienti da tutta Italia, ma anche realtà extra-settore, istituzioni e associazioni di categoria, oltre naturalmente al pubblico degli appassionati. L’edizione 2022 si caratterizza infatti per un format dall’approccio fortemente immersivo, improntato all’avvicinamento dei consumatori tramite diverse esperienze, dalle degustazioni ai workshop, dagli eventi speciali alle challenge che vivranno sull’app di MWW e permetteranno ai partecipanti di accedere a speciali promozioni e reward. Un importante ritorno alla vocazione originale della manifestazione, che si pone l’obiettivo di coinvolgere i più noti quartieri dell’intero territorio cittadino, con il ritorno dello storico headquarter di Palazzo Bovara, polo di riferimento nell’ambito business, a cui si affianca il nuovo hub di Palazzo Serbelloni, che accoglierà le principali iniziative rivolte al pubblico di consumatori, dando vita al nuovo asse portante di Corso Venezia, la Wine Street di MWW 2022.

Palazzo Bovara si conferma la casa del business di Milano Wine Week, trasformandosi in un centro mondiale di promozione vinicola e ospitando numerosi appuntamenti di formazione, networking e confronto tra player del settore, oltre che masterclass nazionali e internazionali: saranno oltre 50 gli appuntamenti di degustazione in programma, e 8 le città internazionali coinvolte in 6 mercati-chiave – New York, Houston, Chicago, Toronto, Londra, Shenzhen, Tokyo, Hong Kong – grazie al Programma Internazionale di Milano Wine Week, che trasmetterà in diretta in una serie di location nel mondo.

Tra le numerose attività in programma, la nuova location di Palazzo Serbelloni ospiterà un’inedita Wine Escape Room, in collaborazione con Winelivery; “Champions Wine”, evento speciale in occasione della partita di calcio in programma il 12 ottobre che proporrà un nuovo modo di raccontare il vino in accostamento a un altro mondo, quello del calcio. Il 14 ottobre andrà in scena una serata speciale dedicata al prestigioso Milano Wine Club, mentre chiuderà il palinsesto settimanale, domenica 16 ottobre, “Milano Wine List”: la top 100 dei sommelier dell’alta ristorazione, con il coinvolgimento di alcuni dei più importanti nomi del fine dining milanese.

Nati come presidi dei consorzi nei più rilevanti quartieri della città, tornano anche i  Wine District, che quest’anno saranno sei: Asti Spumante e Moscato d’Asti DOCG, Lugana DOC, Medways, Chianti Lovers, Colli di Parma e Oltrepò Pavese. In questi distretti i cittadini e i visitatori potranno scoprire diverse iniziative dedicate, tra installazioni, eventi immersivi e walk around tasting, oltre che una serie di Cene con il Produttore. Coinvolti come sempre anche i locali dei distretti, che proporranno durante la manifestazione esperienze variegate e interattive.

FEDERICO GORDINI

Al termine della conferenza stampa abbiamo raccolto le impressioni di Federico Gordini, presidente di MWW Group, l’organizzazione che cura l’evento: “Questa quinta edizione è frutto dell’evoluzione di un format che ha saputo far fronte a scenari in continuo cambiamento: la sfida è stata quella di rinnovarsi, offrendo sempre nuove iniziative e opportunità ai player del settore che troveranno anche quest’anno un contenitore dinamico, al passo con le esigenze di un mercato in mutamento. Ci aspettiamo di fare un salto di qualità nelle esperienze e nel livello generale della manifestazione, per aumentare sempre di più la vicinanza al consumatore, che ha voglia di vivere il mondo del vino in maniera diversa, alternativa a quelle che sono le proposte attuali”.

Presente alla conferenza stampa anche Gian Marco Centinaio, Sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, che commenta così: “Penso che il ruolo di Milano Wine Week in un momento importante come questo sia quello di far conoscere il vino a un potenziale consumatore diverso. L’idea di Federico Gordini e del suo staff di creare sinergie con altri settori e con una realtà come Milano, che è la città dell’innovazione e della moda, il crocevia da cui passano tutte le novità più importanti, diventa il vero punto di forza della manifestazione e dà la possibilità alle aziende e ai produttori di mettersi in mostra. Questo vale soprattutto per le cantine di qualità, che hanno bisogno di un consumatore molto più attento per valorizzare i loro prodotti.”